Vita di Preghiera: “Perché fare orazione?” (n°9)

pubblicato il 03 Giugno 2021

Perché scegliere la preghiera contemplativa, che può essere disseminata di insidie, di povertà, di notti spirituali e ci richiede tempo ed energia? Altre forme di preghiera possono apparirci più semplici, più accessibili, più metodiche e adatte al nostro ritmo attuale. Ciononostante la preghiera contemplativa è al centro della nostra chiamata alle Beatitudini e, dato che ogni chiamata comporta la grazia corrispondente, vi intravediamo una promessa da parte del Signore per noi, una promessa da accogliere umilmente, come poveri.

Se guardiamo da vicino, questa chiamata a «una relazione intima d’amicizia nella quale ci si intrattiene spesso da soli con questo Dio di cui sappiamo che ci ama» (Teresa d’Avila), Dio la evoca spesso nella sua Parola e Gesù non smette d’invitarvi i suoi amici: «Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà» (Mt 6, 6). Gesù vi invita anche noi, in un certo senso ce lo chiede, Lui che ce ne ha mostrato l’importanza con la sua testimonianza diretta.

… perché Dio me lo chiede

Se Dio me lo chiede, perché non dargli fiducia? Non è forse il mio Creatore, che mi ha modellato ed è l’unico che sa ciò di cui ho maggiormente bisogno affinché si compia pienamente in me la sua opera creatrice e santificatrice? «Dio, infatti, volendo «elevare gli uomini alla partecipazione della sua vita divina», mette in noi il desiderio di vederLo faccia a faccia, affinché, in questa visione, le nostre anime siano consumate da Colui che è come un fuoco divorante, e aspirino sempre di più all’unione con lo Sposo. «Quando trovai l’amore dell’anima mia, lo strinsi forte e non lo lascerò» (Libro di Vita, n° 57). Se me lo chiede è perché sa, come una madre, ciò che corrisponde meglio al mio massimo bisogno vitale: «È Lui che ci fa desiderare e che soddisfa i nostri desideri», dirà Teresa. Si… In fondo è una questione di bruciatura, di desiderio, di amore, di unione, di sete.

… perché ho sete di Lui

In una terra molto spesso secca e bruciata dal sole, in un deserto arido e silenzioso non vi è nulla di più doloroso dell’esperienza fisica della sete. Il popolo della prima alleanza l’ha vissuto molto spesso e ha capito che essa riflette l’immagine del bisogno più profondo dell’anima umana: la sete di Dio. «L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente: quando verrò e vedrò il volto di Dio?» (Sal 42,3) Molti salmi ce ne parlano, evidenziando questo bisogno profondo insito nell’anima di ognuno di noi, che siamo fatti a immagine di Dio, ma che portiamo questo dono in vasi d’argilla molto screpolati … «O Dio, tu sei il mio Dio, all’aurora ti cerco, di te ha sete l’anima mia, a te anela la mia carne, come terra deserta, arida, senz’acqua.» (Sal 63, 2) Ma Gesù lo sa, conosce il cuore dell’uomo, ha visitato l’abisso profondo delle sue aridità ed è venuto ad indicarci la fonte: «Chi ha sete venga a me e beva.» (Gv 7, 37)

La sete spinge a camminare, a cercare un pozzo, una sorgente o pregare per la pioggia. E nella Bibbia il pozzo è quel luogo dove si intrecciano storie d’amore. Da un punto di vista spirituale questo cammino suscitato dalla sete incita la nostra volontà a entrare nel combattimento spirituale, a cercare come fa la sposa del Cantico «Colui che il suo cuore ama», e a trovare il pozzo più profondo di sé per incontrarvi l’amato, gioire della sua bellezza e riposarsi alla sua ombra. «Noi crediamo che la vita di orazione ci permette di entrare nella beatitudine di vedere Dio, e a poco a poco di assomigliargli.» (Libro di Vita, n° 60)

Ma di fatto, non è soltanto la mia anima che ha sete di Dio, anche Lui ha sete di me…

… perché Dio ha sete di me

Sì, Dio ha sete dell’amore di ogni uomo e in Gesù ce lo confessa, mostrandosi in questa debolezza disarmante nella quale il nostro ragionamento umano perde la bussola: stanco, non aveva forse domandato dell’acqua alla Samaritana, facendo riferimento a una sete profonda? E sulla croce, al colmo della sua opera d’amore, mormora come un’ultima parola all’umanità: «Ho sete.»

Per questo la preghiera contemplativa diventa attesa reciproca, silenzio condiviso, dialogo d’amore: «Così l’orazione, puro dialogo di amore, occupa un posto essenziale nella nostra vita, perché essa è la via maestra che conduce alla conoscenza di Colui che è tutto Amore.» (Libro di Vita, n° 57)

Se Dio è amore e l’amore è dono, Egli può soltanto donarsi e per donarsi ha bisogno di essere ricevuto, accolto: «Fatti capacità e io mi farò torrente», disse Gesù a Santa Caterina da Siena. Questa è la sua sete: una sete del cuore dell’uomo, luogo della sua dimora, del libero assenso della sua volontà, della terra povera e umile della sua umanità affinché venga ad abitarla, purificarla, trasformarla e irrigarla della sua grazia. La preghiera contemplativa diventa quindi questo luogo dove il desiderio dell’uomo e quello di Dio si congiungono per un dono reciproco.

Ma questo legame creato nello Spirito Santo non è chiuso su se stesso. Se rinfresca l’anima e la disseta, l’acqua riversata nel cuore di chi fa orazione, attraverso notti e aurore, monti e valli (cfr. San Giovanni della Croce) è anche chiamata a diventare a sua volta fontana, sorgente, straripamento: «chi beve dell’acqua che io gli darò, non avrà mai più sete, anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna.» (Gv 4, 14)

… e perché il mondo ha sete di Dio

Con Teresa d’Avila comprendiamo che l’orazione è anche un atto missionario, perché non si conclude nell’esperienza personale di un’intimità divina, ma fra di noi degli apostoli che danno ciò che ricevono, come attraverso uno straripamento del nostro calice. Siamo chiamati incessantemente ad allargare lo spazio delle nostre tende per abbracciare il mondo «che muore di sete di fianco a un pozzo». Se è vero che «chi guarda Dio risplenderà», allora ciò che si vive nel segreto della nostra «stanza interiore» risplenderà sicuramente e misteriosamente nel cuore della Comunità, della Chiesa e del mondo. Il fuoco, la luce, l’acqua viva e l’amore che lo Spirito Santo diffonde nel cuore di un’anima che prega inevitabilmente bruciano, brillano, irrigano e riscaldano.

Attraverso la semplicità sconcertante di questo dialogo d’amicizia il mondo stesso è in un certo senso sollevato verso Dio.

 

La citazione

«Gloria a Colui che non ha mai bisogno di essere ringraziato, ma che ha bisogno di coccolarci, che ha sete di amarci e che ci chiede di donarci a Lui per donarci ancora di più.»  Sant’Efrem

 

Per approfondire

Soltanto per oggi

  • Qual è l’aspetto di quest’articolo che mi coinvolge maggiormente?
  • In che termini si manifesta in me, oggi, la motivazione di fare orazione?

Libri

  • Conversation avec Dieu, père Étienne de Sainte Marie, Édi-tions du Carmel.
  • Seigneur, apprends-nous à prier, père André Louf, Éditions Foyer Notre-Dame.

 

Il “Libro di Vita” è il testo fondante della spiritualità della Comunità. Puoi scaricarlo in francese qui o ordinarlo da Editions des Béatitudes. Il testo in italiano sarà disponibile prossimamente.

 

Testimonianza

All’inizio della mia vita comunitaria per lungo tempo ho fatto orazione per andare incontro a Gesù, per ricevere ed accogliere in me la sua Presenza, la sua Parola, la sua consolazione e la sua pace. Ci sono stati giorni in cui la preghiera era fonte di grandi grazie e altri in cui era arida. Sapevo tuttavia che era importante e che portava frutti nell’invisibile. A un certo momento ho capito che non si tratta soltanto di me, ma che una relazione si vive in due e che se vado ad incontrare Gesù non è soltanto per il mio bene, ma anche per Lui, perché mi ama e mi attende…                                                                                                                                                                                                                                                                                Joumana

autore : VITA DI PREGHIERA

Questi articoli sulla vita di preghiera sono tratti dal bollettino mensile "Vita di preghiera – Il est là!" pubblicato ad uso dei membri della Comunità delle Beatitudini e dei loro amici. È scritto da un collettivo di laici, sacerdoti, fratelli e sorelle consacrati, membri della Comunità, con il desiderio di stimolare la vita di preghiera così essenziale nella vocazione delle Beatitudini come ad ogni forma di vita cristiana autentica. Siamo felici di condividere con voi questi semplici contenuti.

Articoli che potrebbero interessarti

Vita di Preghiera: “La Lectio: come farla?” (n°8)

Ricordiamo che la Lectio è una lettura lenta, meditativa, orante della Parola di Dio, per esserne impregnati e trasformati. Vuole condurci da un testo scritto a un incontro con il

Vita di Preghiera: “Perché fare la Lectio?” (n°7)

«Nell’orario delle giornate, si consacrerà un tempo sufficiente alla lectio divina, per lasciarsi illuminare, nutrire e formare dalla parola di Dio.» (SG n° 34) Di estrazione protestante, i nost

Pausa Fire#5 verso Pentecoste

Per prepararsi a ricevere lo Spirito Santo con la Comunità delle Beatitudini, padre Jean-Luc in questa 5° esortazione ci parla dell’importanza dell’obbedienza allo Spirito Santo nella vi

Leggi altri articoli

Vita di preghiera “Il est là!” (n°1)

Perché questo bollettino? Eccovi il primo bollettino «Il EST LÀ!”, voluto per incoraggiare e aiutare i fratelli e le sorelle della Comunità delle Beatitudini a vivere la preghiera contemplativa.

Vita di Preghiera: L’unione con Dio (n°2)

«Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa nella giustizia e nel diritto, nella benevolenza e nell’amore, ti fidanzerò con me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore.»

Elezione del nuovo governo della Comunità

Dal sabato 26 ottobre alla domenica 3 novembre scorso si è svolta nella nostra casa di Nouan-le-Fuzelier l’Assemblea Generale della Comunità delle Beatitudini. (Per saperne di più sui preparativi

We were unable to confirm your registration.
Your registration is confirmed.

“Votre don sera reçu par la Fondation pour le Clergé, en faveur de la Communauté des Béatitudes et les données recueillies sur le formulaire de don serviront aux communications de la Communauté des Béatitudes et de la Fondation pour le Clergé.”

I've read Know more